Vai al contenuto

VW Golf Club Italia uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



pietra10

Registrazione 07 ago 2004
Offline Ultima Attività Oggi, 03:46
****-

Discussioni che ho iniziato

Vw T-Cross

29 aprile 2019 - 12:38

Buondì a tutti...settimana scorsa ho letto su alcune rivistte di questo nuovo B-SUV,così son andato a vederlo qualche giorno dopo:ne son rimasto colpito molto favorevolmente,anzi è 10 giorni che non me lo cavo dalla testa;in 410mm c'è un pò tutto quello che uno desidera,un'abitabilità ottima,ed un design che lo rende anche più importante di ciò che è. L'Arona è il suo gemello,ma esteticamente secondo me il modello VW è molto più indovinato!

Rispetto alla cugina Polo mi pare abbia decisamente più abitabilità e comodità,unita ad una sensazione di grandezza maggiore(credo dovuta al design muscoloso);certo,poi si pagano queste cose con maggiori costi di gestione(+80kg,comme da 205 invece che 185),ma penso possa anche valerne la pena.

 

2019-vw-t-cross.jpg

 

volkswagen-t-cross-006.jpg

 

volkswagen-t-cross-03-interni-2019.jpg

 

 

Voi che ne pensate?


Metano? Up(&c.)

22 febbraio 2019 - 13:21

Ciao a tutti... come da titolo, vorrei parlare della citycar VAG metanizzata (e relative sorelle).

Col ritorno della patente (settembre), sto cominciando a valutare a fine anno che macchina prendere per lavoro (assicuratore): mi serve un'auto il più possibile economica, dato che sarebbe solo un mezzo per uso professionale(circa 30000km/anno) e piccole commissioni quotidiane, mentre invece per la sera e/o weekend et similia ho una seconda auto ad hoc (Rx8).

 

Provengo da una Panda mk2 4x4 MJ... l'integrale mi necessita (vivo e lavoro a 1000mt), ma considerato gli inverni degli ultimi 15 anni forse è una cosa che posso anche,al limite,farne a meno. Se c'è un buon motivo, ovvio... ed il buon motivo sarebbe appunto il metano (che con l'integrale de facto è un aut aut), il quale mi consentirebbe un'ingente risparmio annuo.

Se prendo in considerazione solo le auto che già escono 'di serie' con questo sistema, la scelta che io sappia è molto stretta: Panda o Ypsilon, oppure Up/Citigo/Mii... sì, teoricamente ci sarebbero anche Polo/Ibiza/Arona, ma oltre a costar di più all'acquisto mi costerebbero maggiormente soprattutto nell'uso quotidiano (+cv&kg, e presumo anche gomme maggiorate quindi più costose), per cui tenderei a scartarle.

Rimangono quelle sopra... e fra quelle la Lancia sarebbe la preferibile, ma siccome monta il bicilindrico (che a bassi regimi fa un rumore insopportabile), e dato che su quell'auto ci passerei tanto tempo, la scarterei .Quindi appunto si va su Up e compagnia cantante... che son brutte come la fame, ma chissene: come detto, mi devon fare l'uso di cui sopra e l'unico obbiettivo è che costino il meno possibile.

 

Ora,vorrei qualche recensione in merito sia per quanto riguarda l'auto in sè, sia per la versione specifica a metano... qualcuno sa dirmi qualcosa, a riguardo?

Grazie fin d'ora!


Problema Accesso Forum

27 settembre 2017 - 14:28

Ho notato che il forum è stato in down per diverse ore,alcuni giorni fa...dal ritorno online,spesso e volentieri quando tento d'entrare mi presenta questa schermata:

 

11uu7mp.jpg

 

...che sta succedendo? :look:


Opel Insignia Gran Sport

06 maggio 2017 - 08:27

OPEL INSIGNIA: AL VOLANTE DELLA GRAND SPORT
 
cq5dam.web.650.600.jpeg
 
Più che di dimensioni la questione è sulle proporzioni. La nuova Opel Insignia è un po’ più lunga e larga della precedente ma sono soprattutto gli sbalzi a fare la differenza. Quello anteriore è decisamente ridotto e il passo è aumentato, rispetto alla versione precedente, di ben nove centimetri. E poi la Insignia Grand Sport è molto più bassa (tre centimetri) e filante, con un’aria da coupé a quattro porte assai più intrigante. Non sono pochi i richiami alla bellissima Concept Monza, presentata al salone di Francoforte del 2013, di cui ripropone la linea dei fari, la fiancata fortemente scavata e, in parte, la forma del padiglione. Appoggiata su grandi ruote che, sulle versioni più potenti, raggiungono i 20 pollici, sulla strada ci sta bene.
 
cq5dam.web.650.600.jpeg
 
Anche dentro c’è stata una bella evoluzione
Si sta seduti parecchio più in basso che sulla precedente versione con una impostazione nettamente più sportiva sottolineata dal tunnel alto che si prolunga fino ai posti dietro. La strumentazione, visti i tempi, ha una dotazione insolita di strumenti, comprende, infatti, oltre ai soliti, anche il termometro dell’olio e il voltmetro. Vi è anche un Head Up display che fornisce, su di un’area proiettata, secondo le ultime tendenze, di considerevoli dimensioni, tutte le indicazioni necessarie. Poche linee, semplici, ben designate caratterizzano la plancia che ha la parte centrale leggermente orientata verso il guidatore. Qui si trovano lo schermo del sistema multimediale, touch da 8 pollici (capacitivo), e sotto a questo, in sezioni ben ordinate, i comandi secondari: quelli relativi alla climatizzazione e sul tunnel i pulsanti dei sistemi di assistenza alla guida. Nonostante la linea quasi da coupé lo spazio a bordo è davvero tanto, superiore addirittura a quello della versione precedente. Dietro, ad esempio, grazie anche al passo ben più lungo, sulla Grand Sport c’è qualche centimetro in più per la testa e per le gambe dei passeggeri.
 
cq5dam.web.650.600.jpeg
 
Al volante della 1.5 Turbo
Il nuovo 4 cilindri turbo a iniezione diretta di benzina eroga 165 cavalli e dispone di una coppia massima di 250 Nm. Sulla Grand Sport non sfigura affatto, anzi. Spinge bene fin dai regimi più bassi, senza alcun ritardo di risposta del sistema di sovralimentazione e, insomma, si intona bene alle caratteristiche di questa grande berlina tedesca. Garantisce prestazioni interessanti (la Casa dichiara una velocità massima di 218 km/h e uno 0-100 km/h in 9,2 secondi) con consumi contenuti. Questo grazie anche al peso che, a dispetto delle maggiori dimensioni, è nettamente inferiore a quello delle versioni precedenti (fino a 175 kg a seconda dei motori). Chili che fanno la differenza e non solo in termini di prestazioni pure. Su strada la 1.5 Turbo si difende bene. Decisamente confortevole e adatta ai lunghi viaggi, non disdegna affatto curve e tornanti che affronta con facilità e disinvoltura. Il cambio manuale a sei marce proposto di serie si sposa bene con le caratteristiche di erogazione del piccolo quattro cilindri ed è anche piacevole da manovrare, nonostante una frizione non proprio leggera.
 
cq5dam.web.650.600.jpeg
 
Al volante della 2.0 Turbodiesel
È probabilmente il motore più indicato a spingere la Insignia Grand Sport: 170 cavalli, con ben 400 Nm di coppia massima che rimangono più o meno costanti tra i 1.750 e i 2.500 giri/min. Lo 0-100 km/h scende a 8,7 secondi e la velocità massima sale fino a 226 km/h. Al di là dei numeri, che sono comunque interessanti, questo motore sorprende per la prontezza e la corposità con cui risponde ad ogni regime ma anche per la silenziosità e l’assenza di vibrazioni. Lo si sente già poco al minimo e finisce per scomparire in mezzo agli altri rumori, in realtà ben poca cosa, quando si sale con la velocità. Per il resto il comportamento è simile a quello della 1.5 Turbo valorizzato, sulla turbodiesel, dalla funzione Flex Drive che permette di scegliere fra tre diverse tarature per l’assetto, lo sterzo e la risposta del motore. Non mancano, ovviamente, i più moderni sistemi di assistenza alla guida. Da segnalare, infine, tra gli optional più interessanti i nuovi fari IntelliluxLED composti da 32 Led, sedici per faro, che si auto adattano alle condizioni del traffico.
 
cq5dam.web.650.600.jpeg
 
I prezzi sono competitivi
La 1.5 Turbo parte da 30.300 euro (versione Advance) mentre la 2.0 Turbodiesel, nella più ricca soluzione Innovation, costa 34.550 euro (2.500 euro in più per la versione AWD).
 
Quattroruote.it
 

Mini Countryman Cooper D All4

22 luglio 2016 - 22:25

Salve ragazzi!

Vorrei maggiori informazioni su quest'auto:l'avrei pensata come futura macchina sia per mia cugina che per mia madre...essendo integrale,piccola,con poca cavalleria e ben rifinita,il tutto trovandola a chilometraggi e prezzi abbastanza bassi(per un 2011 sotto i 100.000 si viaggia anche fra i 15000€ ed i 17500€).

 

Nello specifico cercavo informazioni su trazione integrale,motore,cambio automatico:

-l'All4 che tipo di trazione è?come funziona?

-il diesel piccolino di questo modello,che ha sempre 110cv,ho notato che inizialmente era il 1.6(credo di derivazioni PSA),poi son passati al 2.0...come vanno questi 2 motori?consumi ed affidabilità,come siamo messi?

-ho visto che l'automatico era un'optional...che tipo di cambio era?alla guida come si presentava?affidabilità?

 

Grazie fin d'ora a chi saprà darmi una mano!