Jump to content

[Proj] Desolfatatore per batterie al Pb e Sigillate/Gel


Recommended Posts

fedeleimpianti

semplicemente magnifico!

unica domanda, enry:

ma il portacircuiti forellato (per capirci non la solita piastra verde da un lato e beige dall'altro ma quello che hai utilizzato tu per modellare i circuiti) come si chiama e dove lo posso acquistare?

intendo costruirne anche io uno, non per altro!

grazie ancora per le eventuali info

stardust

 

devi chiedere una basetta a 1000 fori , lo trovi in vendita dalla GBC ,compreso i componenti che ci elenchera' enry!:hand:

Link to post
Share on other sites
  • Replies 644
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • enry68

    185

  • cl@udio tdi 130cv

    150

  • Sbymotta

    69

  • THEEAGLE

    45

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Ecco il video dell' MKII fresco fresco .... ho già fatto la versione 2 :P  

Ciao stebea, ti rispondo subito alla domanda: dipende dalla batteria dall'uso che se ne fa e nello stato in cui si trova quando la si comincia a ricondizionare. In genere facendo l'inviluppo di tutto,

Ecco il desolfatatore BD-3.0 appena "sfornato". Questa è la versione "senza intelligenza" ma funziona davvero bene. Ormai i 2 prototipi filati che ho realizzato in passato sono sotto test da 2 anni. M

Posted Images

stardust

devi chiedere una basetta a 1000 fori , lo trovi in vendita dalla GBC ,compreso i componenti che ci elenchera' enry!:hand:

Grazie Fedele!

Link to post
Share on other sites

Allora come già detto il circuito non l'ho sbrogliato quindi ho utilizzato una basetta da 1000fori (alcuni la chiamno bucanite, anche se sembra un biscotto).

 

Credo che per il tipo d'impulso che ho generato molto simile ai vari Solver e Megapulse che sono in vendita dovrebbe arrivare a desolfatare batterie da 70-100Ampère. Ma bisogna provarlo, su tali batterie non l'ho ancora provato. Potrebbe metterci molto di più delle 2 settimane promesse su batterie di questo tipo.

 

 

Alcuni dati salienti:

 

- il circuito assorbe da se circa 150-200 milliAmpère, quindi alla lunga scalda un pochino (ecco eprchè il dissipatore sul MOSFET di potenza e sul diodo).

- genera impulsi (è così che si fa) di circa 0,5-4Volt (dipende dallo stato della batteria).

- la frequenza di lavoro è circa 14,5KHz quindi circa una volta e mezzo più veloce dei dispositivi commerciali in vendita

- perchè funzioni al meglio è opportuna una taratura. Siccome non tutti avete un oscilloscopio mi invento qualcosa per farvelo tarare alla meglio. (una cattiva taratura fa si che il MOSFET scaldi come una stufa oppure che il circuito ci metta molto di più a recuperare le batterie)

- il circuito può essere chiuso in una scatola dalla quale far fuoriuscire due fili (uno rosso ed uno nero) da collegare in parallelo alla batteria. Il circuito in fatti è in grado di lavorare anche telealimentandosi direttamente dalla batteria. Meglio e necessario con batterie solfatate mettere anche in parallelo un alimentatorino da 12-15V 500mA che alimenta il tutto.

- il mio circuito si spegne quando la tensione ai capi della batteria scende sotto i 12.3V al fine di proteggere il famoso MOSFET

 

 

In origine avevo fatto un circuito che imprimeva impulsi di 120Volt con 40Ampère di picco di corrente (per 5 microsecondi) ma alla lunga "buca" le batterie piccole e ci mette un sacco a dfesolfatare (questa variante andrebbe più che bene per batterie grandi tipo quelle da camion)

 

Vado a cena per ora vi saluto.

 

Enry

Link to post
Share on other sites
infoMatt

In origine avevo fatto un circuito che imprimeva impulsi di 120Volt con 40Ampère di picco di corrente (per 5 microsecondi) ma alla lunga "buca" le batterie piccole e ci mette un sacco a desolfatare (questa variante andrebbe più che bene per batterie grandi tipo quelle da camion)

 

Vado a cena per ora vi saluto.

 

Enry

 

Mi...ia! smile_shock.gif 24mJ a impulso non son mica pochi!! @14,5 kHz fanno 348W1... ph34r.gif Considerando lo spessore delle "piastre" (veline praticamente) delle batterie automotive te credo che le buchi! laugh.gif

 

Cos'è che ti preoccupa della taratura, la corrente di bias del mosfet? Non conviene usare un apposito chip per il corretto pilotaggio del mosfet? Tipo il Microchip TC1426CPA/TC1427CPA (invertente o non invertente) che costa poco ed è studiato per gestirli al meglio? Solo uno spunto eh, ci mancherebbe altro!

 

10.gif

 

 

 

______________________________

1) Se non ho sbagliato a fare i calcoli... unsure.gif

Edited by infoMatt
Link to post
Share on other sites
sparviero76

Mi...ia! smile_shock.gif 24mJ a impulso non son mica pochi!! @14,5 kHz fanno 348W1... ph34r.gif Considerando lo spessore delle "piastre" (veline praticamente) delle batterie automotive te credo che le buchi! laugh.gif

 

Cos'è che ti preoccupa della taratura, la corrente di bias del mosfet? Non conviene usare un apposito chip per il corretto pilotaggio del mosfet? Tipo il Microchip TC1426CPA/TC1427CPA (invertente o non invertente) che costa poco ed è studiato per gestirli al meglio? Solo uno spunto eh, ci mancherebbe altro!

 

10.gif

 

 

 

______________________________

1) Se non ho sbagliato a fare i calcoli... unsure.gif

Info,

 

Io credo che, visto lo spirito del post, si può partire dallo schema base del circuito di Enry (a mio avviso facilmente "gestibile" anche dai neofiti del settore) e integrarlo con suggerimenti di gente esperta come te per fare qualcosina di più sofisticato.

In questo modo avremo un circuito base con caratteristiche X, un circuito meno basico con caratteristiche XX, etc., cosi ognuno realizzerà quello più confacente alle sue necessità/capacità.

 

Ovvio è che ogni schema dovrà essere corredato di ogni dettaglio per evitare, sempre a mio modesto avviso, di tempestare il post di domande superflue.

 

 

Comunque ottimo lavoro ed attendiamo dettagli nonchè vaianti tipo quella di Info :ok: :ok:

 

;)

 

Vito

Link to post
Share on other sites

Come detto all'inizio avevo da risolvere una situazione, in mente avevo voglia di metterci un uProcessore con il quale (dato un piccolo display ed un tastierino a 3-4 tasti) impostare il tipo di batteria da desolfatare (di fatto la capacità) ma poi mi sono detto che cominciavo con SW e belinate del genere a natale dell'anno prossimo sarei ancora stato a tarare, modificare, aggiungere etc etc . Inoltre lo volevo fare necessariamente economico.A questo punto vi espongo il perchè l'ho fatto ...

 

mio figlio ha una piccola moto elettrica Peg-Perego (un quad per l'esattezza con 2 motori a 12V) è un oggetto che va a 12V e siccome la usa pochi mesi d'estate per poi stare fera tutto l'inverno, le batterie di distruggono (oggi dico si solfatano) e di volta in volta mi tocca riacquistarne almeno 3. Queste batterie non costano poco. Le ho trovate alla fiera dell'elettronica ad un prezzo infimo ma sono rigenerate (chissà cosa intendono) e lo dimostrano infatti dopo alcune carica-scarica sono anch'esse da buttare. Inoltre in casa ho alcuni gruppi di continuità che anche loro vanno con batterie da 12V ... insomma vado a batteria :lol:

 

Quando ho "scoperto" che il processo era reversibile ho cominciato a leggere ed informarmi a riguardo fino a che mi sono imbattuto in un sacco di schemi elettrici che in rete si trovano facilmente ma che purtroppo non fanno ciò che promettono. O meglio non lo fanno in tempi accettabili e comunque non completamente. In rete si trova però lo spunto da cui partire e documentarsi.

 

Detto ciò non ho voluto fare una cosa costosa anche perchè tutti i componenti (a parte le induzzanze che me le sono avvolte io) sono di recupero e quindi anche la scelta del 555 al posto di un PWM per alimentatori switching oppure il driver del mosfet io l'ho fatto con un tramnsistor perchè ne ho molti e costano poco ma si poteva usare un buffer invertenete di tipo Shmitt Trigger che garantiva un fronte molto più ripido. io per irripidire il fronte ho usato invece una capacità di by-bass sul Gate del MOSFET... insomma cavolo se il circuito può essere fatto meglio, può essere migliorato sotto ogni aspetto ma io ho cercato di fare un qualcosa che risolvesse il mio problemuccio e siccome di batterie ne abbiamo tutti l'ho condiviso sperando di fare cosa buona. Poi se volete, dopo le ferie ovviamente, ci mettiamo tutti insieme e lo potenziamo sino a fare in modo che possa essere duttile il giusto e soddisfare tutte le esigenze. :ok:

 

Enry

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
sparviero76

Dopo le ferie... si si... ovvio :ok: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :ok:

 

Come dicevo su, partiamo da questo "base" con schema e tutte le istruzioni del caso. Per le altre varianti ci si lavora poco a poco.

 

Ciauz,

 

Vito

Link to post
Share on other sites
cl@udio tdi 130cv

@ Enry68....

Per chi in ferie ci è già stato....:angry: ....

Una bozza dello schema elettrico si può vedere????......:timi: così me lo studio un pò....;)

 

...anche se stò già vedendo qualcosa su internet.... da modificare...

...tutti quelli visti parlano bene dell'integrato stabilizzatore switching LM2576, il quale con pochissimi componenti si realizza un versatile regolatore switching, quindi senza usare il blasonato NE555 e vari componenti discreti per regolarne la frequenza degli impulsi, quewsto solo per semplificare ulteriormente la progettazione/realizzazione dello stampato.... e poi la modifica con una R di potenza in parallelo alla batteria per effettuare la prova di capacità della stessa....

 

http://energiaalternativa.forumcommunity.net/?t=30137183

 

Quello che vorrei sapere qual'è la caratteristica elettrica migliore che deve avere il desolfatattore per ottenere il massimo risultato dalla batteria solfatata...

 

Valori di ampiezza picco picco, (positi o negativi????) frequenza, valori di correnti di scarica, un pò di dati insomma....

Ottimo comunque il discorso di condividere anche queste utility.... sempre per raggiungere lo scopo comune......:gci :gci :gci Che Forum....:hand: :hand: :hand:

Link to post
Share on other sites

bENVENUTO NEL MONDO REALE CARO CLAUDIO.

 

E' proprio li il bello, nessuno te lo dice. Usa pure l'LM che è migliore, io le mie spiegazioni del 555 etc etc lìho già date. Pensa che per risparmiare ancora avrei voluto addirittura far autoscillare una porta NOT ...

Link to post
Share on other sites
cl@udio tdi 130cv

bENVENUTO NEL MONDO REALE CARO CLAUDIO.

 

E' proprio li il bello, nessuno te lo dice. Usa pure l'LM che è migliore, io le mie spiegazioni del 555 etc etc lìho già date. Pensa che per risparmiare ancora avrei voluto addirittura far autoscillare una porta NOT ...

 

:ok: :D :D :D

Link to post
Share on other sites
sparviero76

Enry... lo schemaaaaaaaaaa :lol: :lol: :lol:

 

cosi con claudio ce lo spulciamo un pò ;)

Link to post
Share on other sites
cl@udio tdi 130cv

Enry... lo schemaaaaaaaaaa :lol: :lol: :lol:

 

cosi con claudio ce lo spulciamo un pò ;)

 

 

e vaiiiii.....

 

Quoto in pieno.

Link to post
Share on other sites
cl@udio tdi 130cv

e vaiiiii.....

 

Quoto in pieno.

 

Continuo a studiare migliaia di schemi su Internet.... alcuni usano frequenze di 1KHz altri 7KHz enry 14KHz....sino ad arrivare a 45KHz

 

Bisogna trovare la frequenza giusta la quale, accordata con la frequenza di rottura dei cristalli da desolfatare, il gioco è fatto...

 

Vorrei prendere un alimentatore switching (che ho già ) eliminare il condensatore di livellamento sul secondario e collegandolo ad una batteria per verificare gli impulsi...con l'oscilloscopio.

Cioè sostituirei tutta la sezione dello schema allegato sino al parallelo della resistenza da 15 ohm 30W.

 

Vedremo....

post-6642-0-27801400-1313233939.jpg

Link to post
Share on other sites

No, non funziona così Claudio, o meglio non proprio così.

 

Io lo faccio viaggiare a 14KHz ma funzionerebbe anche a 10 così come a 8 o a 1, non è importante questa frequenza e non centra nulla con i creistalli di solfato di piombo.

 

Questa frequenza, ho capito e ne ho dedotto, è solo funzione del tipo di circuito che si va a realizzare e aumentarla serve solo a far si che il circuito faccia prima il suo dovere. Immagina che ad ogni impulso equivalga una martellata sui cristalli, più martellate al secondo dai e prima fai.

 

La cosa importante è invece, generare fronti ripidissimi, dove l'inverso del tempo di salita del fronte da origine a l'equivalente della frequenza di 3,6MHz circa, considerata frequenza di risonenaza della molecola.

 

Per sicurezza, e visto quanto un circuito del genere sia "ballerino", ho saturato volutamente la bobina generando una serie di fronti (per ogni impulso) in modo tale che la dentro ci sia anche la frequenza che seve a me. Inoltre così facendo non c'è bisogno di tarature strane e, sempre a mio parere, copre un numero maggiore di accumulatori.

 

Prima di andare in ferie se ce la faccio posto lo schema (che comunque non è una cosa complessa ma è il tempo che mi manca) magari lo riporto su un pezzo di carta e lo scannerizzo.

 

Enry

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Aggiungo che il circuito che hai postato tu fa invece un'altra cosa, non carica la batteri. Infatti quella resistenza da 30W dimostra di essere un bel carico da 1 Ampère circa. Ho letto teorie di questo tipo che però non mi sembra siano più efficaci di quella tradizionale.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...