Jump to content

Recommended Posts

Visto che la discussione del Nexus 4 si stava "sporcando" troppo, direi che possiamo creare una discussione in cui si parla di tutto il mondo Google (da Android a Chrome, da YouTube a Maps ecc), e di usare l'altra per parlare solamente del Nexus 4. Se qualche moderatore buon'anima vuole ripulire l'altra sezione e aggiungere qua i messaggi si senta libero, tanto solo solo 40 pagine!! :D

Il Google I/O (per sapere cos'è clicca qua o qua) mi sembrava l'occasione giusta per inaugurare questa discussione, visto che la carne al fuoco è molta.

 

Inizio postando un po' di articoli sulle varie novità fin'ora presentate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Google Play Games ufficiale: ecco il vero servizio gaming multipiattaforma

 

L’ecosistema di servizi Google si espande ulteriormente e fa posto all’atteso Play Games, una nuova piattaforma che strizza l’occhio ai titoli multiplayer e permetterà di giocare ad uno stesso titolo attraverso altri dispositivi Android, iOS ed altri connessi al web. Salvare i progressi ed accedere ai propri dati legati alla nostra sfera videoludica sarà estremamente facile grazie ad una gestione di Google Play Games tramite il Cloud.

Numerosi titoli già presenti nel Play Store supportano già il nuovo servizio, pensiamo ad esempio a World of Goo, Super Stickman Golf 2, Beach Buggy Blitz, Kingdom Rush, Eternity Warriors 2 e Osmos, ma tanti altri si aggiungeranno presto.

Più che un game center, il nuovo servizio Google permette una gestione facilitata dei nostri giochi, basterà infatti loggarsi all’interno tramite le proprie credenziali e cominciare una partita qualsiasi, fermare il gioco e ricominciare allo stesso punto sfruttando un differente dispositivo da quello di partenza, con la ripresa immediata del medesimo score e progressi effettuati.

Le nuove API con il quale sta debuttando Google Play Games riducono di fatto il rischio di ingressi pirata ed altre spiacevoli sorprese. L’ottima notizia è che quasi tutti gli attuali dispositivi Android potranno usufruire del servizio (a patto che siano in grado di gestire il gioco in questione), che siano ancora fermi a Froyo o aggiornati all’ultima distribuzione disponibile.

Google Play Games sarà ovviamente accessibile da qualsiasi dispositivo con Play Store, quindi Google TV, Nvidia Shield ed altri, una schiera di piattaforme connesse dal quale si potrà giocare, sfidare amici e condividere i propri progressi. Abbiamo visto una demo proprio al Google I/O, o meglio, abbiamo assistito ad una prova del servizio che putroppo non ha funzionato e ha invece messo in imbarazzo Hugo Barra: il live multiplayer di Riptide non è mai partito ma i ragazzi di Engadget hanno già qualche screenshot che mostra l’integrazione.

 

da www.android.hdblog.it

Edited by who83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Google presenta Android Studio e App Translation Service, modifiche e preview in tempo reale durante lo sviluppo di applicazioni

 

Dal palco del Google I/O 2013 arrivano ulteriori novità in merito al supporto che viene fornito durante lo sviluppo di applicazioni, con Android Studio e App Translation Service. Il primo, in sostanza, permette di applicare modifiche all’applicazione e ottenere un’anteprima in tempo reale, senza dover attendere ulteriori step di sviluppo risparmiando così tempo e rendendo più facile il processo di creazione di un app grazie all’utilizzo del linguaggio WYSIWYG.

App Translation Service fornisce invece un pratico supporto per gestire le applicazioni in più lingue, aumentando quindi le potenzialità di diffusione dell’applicazione stessa.

 

da www.android.hdblog.it

Edited by who83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Google presenta tre nuove API per i servizi di localizzazione

 

Google ha annunciato nel corso del Google I/O 2013 un trio di nuove API dedicate ai servizi di localizzazione. Fused Location Provider consentirà di migliorare l’accuratezza e la velocità del rilevamento della posizione GPSicon1.png, mantenendo decisamente basso l’impatto sulla batteria (si fa riferimento ad un consumo pari all’1% all’ora).

Si passa a Geofencing, che permetterà alle applicazioni di definire dei “recinti” virtuali intorno ad alcune aree e di eseguire delle operazioni quando l’utente entrerà o uscirà da tali spazi. Ogni applicazione sarà in grado di impostare sino a 100 “geofences”.

Chiude il quadro delle nuove API “Activity Recognition”, in grado di tracciare il movimento senza ricorrere al GPS. Utilizzando vari sensori come l’accelerometro, le applicazioni potranno tenere traccia della posizione e del movimento del dispositivo.

 

da www.android.hdblog.it

Edited by who83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Google Play Web: una nuova interfaccia per accoglie meglio le novità presentate

 

Tantissime le novità che non hanno certo nascosto sorprese inaspettate. Anche il Play Store Web è stato protagonista del primo Keynote del Google I/O 2o13 e ha visto un’importante cambiamento grafico che arriverà nei prossimi giorni in tutti i mercati. Una UI molto più simile a quella del Play Store Android con card più grandi, facili da navigare e una divisione laterale dei servizi che rende tutte le sezioni più pulite e immediate. Non mancano le novità a livello di servizi con Google Checkout leggermente rivisto e una serie di nuove opzioni per gli sviluppatori e la traduzione delle descrizioni delle applicazioni in “qualunque” lingua. Insomma, Google sta mostrando i muscoli in una presentazione che sembra quasi senza fine e che sta mostrando praticamente tutto quello che avevamo anticipato e molto di più.

 

 

Google Play Store inaugura la sezione dedicata alle App per Tablet

 

Buone notizie anche per tutti i possessori di tablet Android, arriva infatti una piccola grande novità che risponde alle tante critiche per un ecosistema di App imponente, che necessita ancora un salto deciso affinchè sia esauriente e ottimizzato per i dispositivi con ampi display.

Il nuovo Play Store avrà difatto una sezione dedicata che mostrerà le applicazioni espressamente sviluppate per tablet, con risoluzioni e form factor differenti dai tradizionali smartphone, una necessità che mette un po di ordine all’interno del negozio virtuale, con un piccolo restyling dell’interfaccia che porterà anche sul web le migliorie viste nella versione mobile. Questo adattamento dovrebbe essere disponibile a partire da oggi.

 

da www.android.hdblog.it

Edited by who83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Google Hangouts: messaggi unificati su Android, iOS e Chrome

 

Dopo alcuni tentativi ed anni di speculazioni ecco che Google decide di sfruttare il più possibile il fenomeno instant messaging con Hangouts, il sistema unificato disponibile da oggi sulle piattaforme Android, iOS e Chrome. L’esperienza accumulata con Talk e i successi di applicazioni come WhatsApp hanno convinto BigG ad investire su questo particolare segmento, sfruttando i diversi servizi come Google+ Messenger, l’originale Google+ Hangout video, adesso riuniti sotto l’unica bandiera di Hangouts!

Tutte le conversazioni saranno conservate nel Cloud, permettendo di scrivere a qualsiasi contatto, che sia connesso o meno; sarà ovviamente possibile condividere immagini, video, conversazioni e attivare video chat di gruppo fino a 10 utenti contemporanei. Hangouts si presenta come una vera e propria App Mobile che vuole sfruttare lo sconfinato parco utenti che fanno capo a Google in un modo o nell’altro, con tutte le conversazioni ed i messaggi sincronizzati e sempre disponibili. TheVerge ha avuto la possibilità di provare approfonditamente Hangouts, dopo l’interruzione il filmato con tutti i particola

 

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=ahy3uRzRG9w

 

da www:android.hdblog.it

 

EDIT: è già disponibile nel Play Store.

 

Google Hangouts arriva nel Play Store e sostituisce GTalk!

 

Neanche il tempo di vederlo su Google+ ed ecco che un nuovo suono interrompe la presentazione. Il nostro smartphone ha ricevuto il suo primo messaggio su Hangout ufficializzando il nuovo servizio di messaggistica Google che va a stotituire GTalk! Con Hangouts, le conversazioni, a due o in gruppo, prendono vita grazie alle foto, alle emoji e alle videochiamate gratuite. Puoi entrare in contatto con i tuoi amici attraverso i computer e i dispositivi Android e Apple.

  • ●Puoi inviare foto o emoji.
  • ● Puoi trasformare in una videochiamata qualsiasi conversazione che coinvolge fino a dieci amici.
  • ● Puoi inviare messaggi ai tuoi amici in qualsiasi momento, anche quando non sono connessi.
  • ● Hangouts funziona sui computer e sui dispositivi Android e Apple.

Altre caratteristiche straordinarie degli Hangout:

  • ● Gli Hangout restano sincronizzati tra più dispositivi, permettendoti di passare da un dispositivo all’altro ovunque ti trovi.
  • ● Puoi scegliere tra centinaia di emoji per esprimere al meglio le tue emozioni.
  • ● Puoi guardare le tue conversazioni passate, incluse le foto condivise e la cronologia delle tue videochiamate.
  • ● Ricevi le notifiche una volta soltanto. Una volta visto, l’avviso verrà rimosso dagli altri dispositivi.
  • ● Puoi guardare le gallerie fotografiche condivise da ciascuno dei tuoi Hangout.
  • ● Puoi posticipare le notifiche se preferisci non essere disturbato.

Note.

  • ● Diversamente da Google Talk, Hangouts non supporta lo stato “invisibile”.

 

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=XkpjZ7oA_Qg

 

da www.android.hdblog.it

Edited by who83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Google All Access: BigG lancia la sfida a Spotify

 

Il servizio sarà accessibile non soltanto tramite smartphone Android, ma anche con un tradizionale browser web. A differenza di altri servizi di streaming musicali concorrenti, All Access racchiude in un’unica libreria di facile consultazione, sia le tracce memorizzate a livello locale, sia quelle disponibili per lo streaming.

Per quanto riguarda i costi, Google ha previsto un periodo di prova gratuita della durata di 30 giorni ed un canone mensile di 9.99 dollari. Gli early adopters del nuovo servizio, ovvero chi attiva la prova entro il 30 giugno, potrà beneficiare di una riduzione del canone di abbonamento mensile che passerà a 7.99 dollari.

In base alle precedenti indiscrezioni, importanti case musicali, come Universal Music, Sony Music e Warner Music Group sarebbero state già coinvolte nel progetto. Ulteriori dettagli sulla disponibilità del servizio nel nostro paese e sulle tariffe praticate da Google verranno rese note successivamente in quanto il lancio iniziale è previsto per l’America.

 

Google Music e Google Search si aggiornano!

 

Mentre il Google I/O 2013 è ancora nelle sue fasi iniziali, ecco che arrivano i primi due aggiornamenti per le applicazioni ufficiali Google. Parliamo di Google Search che fa capo a Google Now w Google Music. Entrambi i servizi hanno visto enormi novità che vedono, come sempre, protagonista l’America ma che in qualche modo stanno arrivando, in parte, anche nel nostro mercato.

 

Se Google Music ha visto l’arrivo di Google All Access: BigG lancia la sfida a Spotify, Google Serach torva nelle nuove modalità di ricerca, interazione e schede il punto di forza. Di seguito i changelog ufficiali:

 

Google Search:

For Android 4.1+ (Jelly Bean):

- Reminders (e.g. say “remind me to buy milk this evening”, “remind me to take out the trash when I get home”)

- Upcoming books, music albums, tv shows and video games you may like

- Real time public transit updates (select cities)

- Last train home (Japan only)

 

Google Music v5.0.1026J:

* Interfaccia utente completamente nuova per telefono, tablet e TV

* Nuova pagina Ascolta ora per aiutarti a trovare brani da riprodurre

* Scorrimento per rimuovere brani da una playlist o da una coda

* Scorrimento per passare a un altro brano nella schermata o nella barra dei brani in esecuzione

* Pivot da qualsiasi brano a un album o un artista

* Foto dell’artista in tutta l’app

 

Google Music è già cambiato anche su web sebbene il servizio All Acess non sia disponibile in Italia: play.google.com/music

 

da www.android.hdblog.it

Edited by who83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Google+ cambia completamente grafica e arriva Hangouts!

 

Google sembra aver veramente bevuto troppo e lo diciamo in senso positivo. Se il Google I/O 2013 sembrava essere un evento “sotto tono”, dopo quasi 3 ore di presentazioni non se ne vede ancora la fine. E le novità presentate non solo nuove icone, piccoli aggiustamenti o altre novità marginali ma si sta parlando di una completa rivisitazione di praticamente tutti i maggiori servizi Google ad oggi disponibili. Grafiche completamente ridisegnate, novità enormi a livello di gestione, stravolgimento di Maps e incredibile novità per Google Plus e tutti i servizi che adesso trovano interconnessioni complete rendendo l’esperienza unica e di un livello irraggiungibile per servizi analoghi online. Presto sicuramente per dirlo ma l’appena conclusa presentazione del nuovo Maps, in arrivo in autunno ci ha lasciato senza parole. A confonderci ancora ecco Google+ che è già disponibile con la nuova grafica e Hangout, la nuova chat unificata che su Android ancora non sembra essere arrivata.

Google+ trova un nuovo layout a colonne, una grafica più pulita, l’appena citata nuova Chat, possibilità di interazione migliori, tags, algoritmi di riconoscimento immagini, maggiore spazio di archiviazione per le foto e tantissime altre differenze grafiche che, per numero e quantità, in questo momento vi invitiamo a provare da soli andando sul vostro profilo. Il Google I/O è iniziato alle 18 e sono 3 ore che presentano novità tutte di rilievo. Riusciremo a vederne la fine?

 

da www.android.hdblog.it

Edited by who83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Google Maps si rinnova: nuove vesti e funzionalità che lo rendono ancora più unico!

 

Google si è davvero superata in questo Google I/O 2013, lo diciamo con chiarezza perchè questo è quello che emerge dopo aver seguito le prime tre ore della kermesse ancora in via di svolgimento al Moscone Center di San Francisco. Non si tratta soltanto di Android, di un sistema operativo mobile e dei suoi numeri incredibili, non è una battaglia tra Google, Apple, Microsoft, BlackBerry e le altre case che sono in corsa per la conquista di utenza mobile, le novità di quest’oggi vanno al di là, e il simbolo e Maps!

Il software più utilizzato al mondo per conoscere e geolocalizzare punti precisi o se stessi è già da tempo Google Maps, apprezzato e sfruttato su tutte le piattaforme, ma le ottimizzazioni che dalle prossime ore potremo saggiare già sui browser sono davvero uniche. Grazie alla rete e alle infinite informazioni, immagini e contenuti disponibili, si potrà godere di un’esperienza d’uso più completa che mai: le immagini tridimensionali riprese con Photo Sphere, opportunamente geolocalizzate, potranno essere pubblicate sul web e utilizzate per avere una visione unica di luoghi pubblici, che siano musei, gallerie o esterni, in completa coordinazione con Street View.

 

Purtroppo dovremo aspettare questa estate per avere a disposizione le migliorie del nuovo Maps su smartphone e tablet, mentre già da domani verrà aggiornato il servizio disponibile su browser. Per gli impazienti basterà recarsi su questa pagina e provare da subito questi nuovi tools.

 

Una delle nuove funzionalità più importanti di questo Google Maps sono le ricerche personalizzate, ovvero una nuova esperienza d’uso che cambia durante le ricerche, adattandosi in base alla tipologia di posti e luoghi ricercati: se cerchiamo un ristorante verranno ad esempio evidenziati tutte le attività simili, corredate ovviamente di reviews e consigli.

Ottenere indicazioni sulla direzione da prendere per arrivare al luogo prescelto non è mai stato così facile, con i percorsi evidenziati in base al mezzo di trasporto scelto e la possibilità di cambiarlo rapidamente, passando ad esempio da ‘auto’ a ‘bus’ con un click che attiva sulla mappa la direzione correlata. Come se non bastasse, a disposizione avremo anche una tabella che compara tempi e percorsi con i differenti mezzi, dandoci un’idea istantanea della migliore opzione: nel caso dei trasporti pubblici ad esempio sarà importante per sapere la frequenza e la seguente corsa.

 

Grazie alla nuova interfaccia sarà possibile correlare più facilmente le immagini degli utenti, disponibili insieme a Street View per dare una visone realistica del luogo ricercato. Google Earth si fonde con Maps, potremo dunque avere una visione geograficamente accurata del nostro pianeta, andando fino e oltre l’alta atmosfera, saggiando posizione rispetto alla volta celeste e sole. Semplicemente fantastico, non vediamo l’ora di provarlo!

 

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=zqatj4Nzl3E

 

da www.android.hdblog.it

Edited by who83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Google Annuncia il Galaxy S4 Google Experience! 649$ da Giugno nel Play Store!

 

 

Incredibile ma vero! Nessun nuovo device e nessun nuovo colore per il Nexus 4 ma un incredibile Galaxy S4 Snapdgragon 600 Google Experience! Il top gamma Samsung arriverà infatti in una versione speciale con la possibilità di essere aggiornato direttamente da Google e supportato dalle ultime distribuzioni Android alla stregua di qualsiasi Nexus. Ovviamente dimenticatevi la personalizzazione Samsung e tutte quelle caratteristiche che rendono oggi S4 un prodotto particolare e per certi aspetti innovativo.

Galaxy S4 Google Edition sarà disponibile a partire da Giugno attraverso il Play Store Device (ovviamente non in Italia ma solo in USA essendo esclusiva, pare, di T-Mobile) al prezzo, non certo economico, di 649$. Va però considerato che probabilmente rendere gli attuali S4 Google Experience sarà decisamente semplice e questa mossa siamo sicuri che piacerà a tutti e non potrà far altro che consacrare S4 come il top gamma Android di riferimento anche per questo 2013.

 

Come si fa a non preferire un device che, con quasi certezza e grazie a rom, potrà vantare sia tutte le funzionalità Touch Wiz sia, per chi lo vorrà, tutti gli aggiornamento Google? Ovviamente saranno adattamenti per la versione commercializzata da noi ma è chiaro che le sorti di S4 cambiano radicalmente in questa ottica. Vi che ne pensate?

 

Nota: la versione Google dell’S4 avrà la microSD.

 

LB_2886-595x393.jpg

 

da www.android.hdblog.it

Edited by who83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per ora Android Jelly Bean 4.3 è stato solo annunciato (in maniera ufficiosa), ma non ancora presentato. Aspettiamo le prossime ore.

 

Dell'apertura del Play Store fisico in Italia, invece, per ora nessuna traccia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Google Now sempre più intelligente con le nuove schede presentate al Google I/O 2013

 

Anche Google Now sotto ai riflettori del Google I/O 2013 nella miriade di novità presentate dalla società, arrivano tantissime nuove schede ovviamente nella versione USA per poi sbarcare lentamente in tutti gli altri paesi. In primo luogo è stata implementata una sorta di promemoria nel quale potremo appuntarci qualunque tipo di annotazione ed averla sempre integrata sulla schermata delle cards come un pop-up.

Le nuove cards invece riguardano orari e passaggi del trasporto pubblico in tempo reale, tutte le ultime novità sui libri, videogiochi, spettacoli televisivi e album musicali. Infine novità anche per quanto riguarda la ricerca vocale, potenziata per rispondere ancora meglio e in modo più preciso alle richieste dell’utente come mostrato nella demo dal palco del Google I/O, senza tralasciare anche appuntamenti da programmare che magari potremo dimenticarci ma che Google Now ci ricorderà con una scheda al momento giusto.

 

da www.android.hdblog.it

Edited by who83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con Google Wallet invieremo pagamenti tramite allegati Gmail!

 

Google Wallet è un servizio utile ma ancora non particolarmente utilizzato all’infuori dei pagamenti tramite browser, ma la musica sta per cambiare. La casa di Mountain View vuole rinnovare l’approccio e portare avanti un metodo di pagamento tanto unico quanto clamoroso, permettendo d’inviare denaro come semplice allegato da Gmail.

 

Non è uno scherzo, non lo è affatto. Scrivendo ad un amico, cliente o store potremo scegliere se inviare nella mail una somma di denaro selezionando il simbolo della propria valuta tra le opzioni: accanto alla graffetta, a Drive e altri simboli già noti avremo ‘$’ o ‘€’, basterà dunque scegliere l’importo e concludere la ‘transazione’ con l’invio della mail.

 

Il servizio sarà disponibile soltanto nei prossimi mesi e dal breve filmato pubblicato non è ovviamente possibile capire quali livelli di sicurezza verranno implementati, ci auguriamo ovviamente che per abilitare l’icona delle transazioni si dovrà passare tramite un rigido procedimento di autenticazione. L’dea di bonifico e trasferimento di denaro che abbiamo avuto fino ad oggi forse sta per cambiare…

 

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=JA8m0JOoNYQ

 

da www.android.hdblog.it

Edited by who83

Share this post


Link to post
Share on other sites

Curioso di provare Hangouts.....per adesso non lo trovo sul playstore......

 

a quanto ho capito, è stato un aggiornamento "silenzioso" hanno tolto google talk e l'hanno sostituito con hangout

 

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.google.android.talk&referrer=utm_source%3Dit-ALL-landingpage%26utm_medium%3DCTA%26utm_term%3D%26utm_campaign%3Dlandingpage&rdid=com.google.android.talk&rdot=1

Edited by FiloGTI

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...