Vai al contenuto

VW Golf Club Italia uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies



cristianino

Registrazione 11 dic 2002
Offline Ultima Attività giu 24 2017 17:13
*****

Discussioni che ho iniziato

Comunicazioni del R.I.V.A.

16 aprile 2011 - 14:01

Come ex Presidente del VW Golf Club Italia, mi è giunta questa comunicazione da parte del R.I.V.A. (Registro Italiano Veicoli Amatoriali) riguardante le convenzioni assicurative a prezzi agevolati.

Questa comunicazione, è bene precisarlo, è rivolta solo ai Soci di alcune Regioni del sud Italia che avessero intenzione di sottoscrivere un contratto assicurativo con il Centro Studi e P.R. su incarico del R.I.V.A.

Le Regioni interessate a questa comunicazione, sono la Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia.

Pregherei quindi i Soci di queste Regioni, a leggere con attenzione l'allegato sotto riportato ed eventualmente, in caso di dubbi o domande, rivolgersi direttamente agli uffici SCA Centro Studi e P.R. mandatario del R.I.V.A. contattandoli ai seguenti numeri di telefono: 085 800.0083 - 085 800.8943

YouTube: non visulizzo i video

05 marzo 2011 - 17:12

Che strano...
Sono un paio di giorni che, entrando in YouTube per vedere dei video musicali, riesco solo a sentire la musica al meglio, ma il filmato non lo vedo.
Se imposto l'opzione che loro offrono e cioè di cliccare sul bottone "pop up" sotto al filmato, mi si apre ovviamente un'altra finestra e, solo in quel caso, il video lo vedo.

La cosa strana è che fino a giovedi vedevo qualsiasi video appena cliccavo sul filmato di mio interesse. Adesso di quegli stessi filmati se è presente prima dell'inizio del filmato della pubblicità la vedo, quando inizia la canzone no.

Secondo voi c'è una spiegazione tecnica a questa "anomalia"??

Crisi economica: nel nostro piccolo cosa ci ha cambiato?

04 gennaio 2011 - 14:15

Negli ultimi due anni, si parla tanto (e si vede anche) di crisi economica che stà attraversando le economie globali di tanti paesi nel mondo.
Tante aziende, piano piano si stanno mettendo in ginocchio di fronte a questa congiuntura negativa del mercato e, di conseguenza, anche le famiglie coinvolte si trovano in situazioni difficoltose per via della cassa integrazione o, peggio, della perdita del lavoro.
I consumi ovviamente frenano e le persone sono costrette, volente o nolente, a modificare o cambiare radicalmente certe abitudini che prima avevano.

La cosa peggiore, è che non si intravede la fine del tunnel e, anche gli analisti finanziari ed economici, non sanno bene come e quando finirà questa grave crisi, come è stata definita.

Ora, senza entrare nei soliti discorsi politici che già da parte loro non stanno portando a nulla di concreto, almeno in Italia, visto che invece in Germania certe scelte hanno prodotti grandi risultati a livello di ripresa dell'economia e, di riflesso, dei consumi da parte della gente, come, nel nostro piccolo quotidiano, questa crisi ci ha colpiti?

Da parte mia, certi scenari e quello che stà accadendo tutto intorno, mi danno un filo da pensare e non nascondo una certa inquietudine su quello che potrà essere il futuro, almeno quello prossimo.

E a voi? Siete rimasti indifferenti o in qualche maniera qualcosa vi ha cambiato sia per le prospettive che con le abitudini quotidiane?

Polizia Stradale

18 dicembre 2010 - 19:03

Oggi, nel primo pomeriggio, mi trovavo sulla tangenziale di Padova, fermo con le 4 frecce all'interno di una piazzola di sosta.
Nell'attendere una persona che doveva da li a poco arrivare in auto, stavo trafficando con il telefonino, quando, trascorsi neanche 5 minuti, mi vedo affiancare da una Subaru Legacy.
Era una pattuglia della Stradale che, abbassato il finestrino del passeggero, mi chiedeva gentilmente se avessi avuto bisogno di aiuto o di qualcosa.

Altrettanto gentilmente, rispondevo che no, era tutto a posto e stavo appunto aspettando una persona.
Ripartivano, non prima di avermi salutato e augurato buona giornata.

Nel viaggio di ritorno, ho pensato a quella scena, e a quei due solerti ma cortesi poliziotti...
Ho riflettuto che avevano fatto, nei miei confronti, proprio un bel gesto oltre che il loro dovere.

Sarà, ma queste circostanze fanno bene al morale e, sopratutto, riconciliano noi automoblisti un pò irrequieti verso gli uomini in divisa, in questo caso della Stradale.

Dopo sette anni, “scendo dalla Golf”…

12 dicembre 2010 - 20:20

… che tradotto vuol dire “concludere l’incarico di Presidente di questo prestigioso club”.
Il prossimo 31 Dicembre infatti, terminerà la mia avventura alla conduzione del Volkswagen Golf Club Italia, lasciando ad altri, l’incarico di continuare quello che nel 2003 è stato da me realizzato.

Sono passati sette anni dalla primavera di quell’anno quando, assieme ad altri collaboratori che con il tempo sarebbero diventati anche amici, fondai il Volkswagen Golf Club Italia.
L’entusiasmo era alle stelle, cosi come la voglia di fare qualcosa di concreto per cementare una passione verso il mondo del’auto che, da quel momento in poi, aveva un nome formato da quattro lettere: Golf.
Credo, a distanza di questi anni, di esserci riuscito, soprattutto alla luce di un successo sempre crescente che il club ha incontrato verso tutti i possessori, gli appassionati o i semplici ammiratori di questa storica vettura.
Mi ritengo soddisfatto, perché sono consapevole che il club ha raggiunto quella visibilità e quei consensi da farlo diventare, in assoluto, un vero e proprio punto di riferimento nel panorama nazionale dei club legati ad un modello di auto ben preciso.
Riconoscimenti concreti, ci sono arrivati da più parti, soprattutto dai Soci che, anno dopo anno, sono cresciuti di numero tesserandosi e partecipando attivamente sia alla vita del club che in quella del Forum dove la “community” si è sempre distinta per essere sempre molto attiva e numerosa.

Anche le varie manifestazioni “sul campo”, quali, i raduni ufficiali o i semplici ritrovi, hanno fatto in modo e contribuito ad innalzare la qualità del club, facendo si che non fosse solo una realtà virtuale a legare i Soci attraverso una tastiera di un PC, ma, al contrario, qualcosa di umano e vero.
In questi anni, partecipando e poi organizzando i raduni, ho avuto l’onore di conoscere tanti di voi, di dare un volto ad un nickname che tutti i giorni leggevo sul Forum.
Ho apprezzato cosi la simpatia, le qualità umane e, soprattutto, la passione di ognuno di voi verso la propria automobile.
Mi sono quindi ritrovato con voi, sapendo di essere nel mio “habitat naturale” e, di conseguenza, di non essere preso per matto dai comuni ed incolori utilizzatori di quell’involucro a quattro ruote chiamata automobile.
Da alcuni, ho imparato molte cose legate all’universo Golf (e non solo) e, per questo, posso considerarmi fortunato per i consigli che ho ricevuto.

Tante gioie hanno accompagnato questa avventura ed il bilancio può essere considerato veramente positivo.
Gli apprezzamenti per un raduno riuscito, un complimento per aver risolto un problema ad un Socio o aver organizzato un evento nel migliore dei modi, sono stati la migliore benzina per proseguire l’attività cosi come le critiche che, se costruttive, hanno contribuito in maniera determinante a migliorare.
Ovviamente, alle gioie, corrispondono anche i dolori, che fortunatamente sono stati “dolorini”. Piccoli screzi con qualcuno, le solite invidie di qualcun’altro, pettegolezzi a volte inutili creati dai soliti noti per cercare di screditare me, o più in generale, il club nella sua sostanza.
Ma, orgogliosamente, posso affermare che non ci sono riusciti e mai ci riusciranno, perché, alla base di questo sodalizio, regna la passione che, fin dall’inizio, è stata fondamentale per dar vita a tutto.

Concludendo, voglio ringraziare i collaboratori iniziali dello staff perché, senza di loro, sicuramente tutto questo non sarebbe potuto avvenire; ringrazio quelli attuali, che hanno saputo sopportarmi e, soprattutto, supportarmi.
Infine saluto tutti gli amici che in questi anni ho conosciuto: da quelli “dei raduni” a quelli “del Forum”. Sicuramente ci sarà ancora occasione per incontrarsi e scambiare quattro chiacchiere, parlando di Golf, di auto, di assetti o di cerchi in lega.
Il mio ruolo all’interno dell’organizzazione “VW Golf Club Italia”, resterà con la qualifica di “fondatore”.
Auguro al mio successore, un grande in bocca al lupo con la speranza che faccia sempre meglio e, soprattutto, abbia a cuore il bene e le sorti del VW Golf Club Italia.

Un saluto a tutti,
Cristiano Comanzo


Auguro un grande in bocca al lupo, al mio successore, Marco Riva, a cui lascio un grande club su cui operare per renderlo sempre più un punto di riferimento per tutti i “golfisti” d’Italia.